Sport

martedì 4 gennaio 2022
Ciao, ragazze! Stamattina io e le altre Tea Sisters ci siamo svegliate… sotto la neve!!! Questa notte ne è scesa davvero tantissima: ha imbiancato praticamente tutta l’Isola delle Balene. Io e le mie amiche la adoriamo e così abbiamo deciso di approfittare di questi ultimi giorni di vacanza per organizzare una super gita! Partiremo questo pomeriggio e staremo via fino al weekend, così avremo tempo per fare un sacco di cose: andremo in slitta, faremo pupazzi di neve e ci rilasseremo tutte insieme davanti a una bella tazza di cioccolata calda, ma soprattutto… faremo tanta attività fisica! Ognuna di noi infatti ha uno sport invernale preferito, continuate a leggere per scoprire se abbiamo gli stessi gusti!   SCI DA DISCESA per le ragazze avventurose… come me! Se siete coraggiose, amate l’avventura e il brivido dell’adrenalina lo sport sulla neve che fa per voi è lo sci da discesa! E come darvi torto… è anche il mio preferito! Ogni volta per me è un’emozione scendere dalle piste con gli sci ai piedi, prendere un po’ di velocità e sentire l’aria fredda sul viso. Attenzione però, per lo sci e per tutti gli altri sport sulla neve o sul ghiaccio è importantissimo esercitarsi e sentirsi sicure, prima di buttarsi in pista!   SCI DI FONDO per le ragazze determinate… come Violet! Sempre di sci si tratta, ma questa volta su percorsi in piano e a volte addirittura… in salita! Lo sport invernale preferito di Violet è lo sci di fondo: se come lei siete determinate e non vi arrendete di fronte alle difficoltà questa è sicuramente un’attività adatta a voi. Anche io qualche volta l’ho provata e vi assicuro che la fatica fisica sarà ripagata dai paesaggi mozzafiato che potrete ammirare attorno a voi.   SNOWBOARD per le ragazze intraprendenti… come Pamela! Stufe dello sci? È ora di provare lo snowboard: divertentissimo e super adrenalinico! Se siete intraprendenti come Pam e amate le novità e le sfide, questo è lo sport invernale che fa per voi. All’inizio non sarà semplicissimo stare in equilibrio sulla tavola, ma con un po’ di allenamento potrete addirittura imparare a fare qualche acrobazia!   PATTINAGGIO SUL GHIACCIO per le ragazze eleganti… come Colette! Se gli sport sulla neve non vi entusiasmano potreste provare… il ghiaccio! Dalla semplice pattinata alle coreografie più complesse, il pattinaggio sul ghiaccio è lo sport invernale perfetto per chi ama la danza e desidera essere sportiva, senza rinunciare all’eleganza… proprio come Colette!   CIASPOLE per le ragazze curiose… come Paulina! Per le amanti delle lunghe passeggiate, come Paulina, le ciaspole sono irrinunciabili! Perfette per avventurarsi in un bosco innevato, permettono di godersi splendidi paesaggi e di curiosare tra la flora e la fauna invernali con tutta la calma necessaria.   E a voi cosa piace fare sulla neve? Fatemi sapere qual è il vostro sport invernale preferito (o quale vi piacerebbe provare!) nei commenti qui sotto! W la neve! Nicky
 
giovedì 18 novembre 2021
Una delle mie attività preferite dell’inverno è pattinare sul ghiaccio. All’inizio può sembrare un po’ strano, ci si sente leggermente instabili e il rischio scivolone è dietro l’angolo, ma basta davvero poco per prendere confidenza con questo fantastico elemento. Dopo un bel po’ di allenamento, coi pattini si impara a volteggiare leggiadre, fare piroette e ballare vere e proprie coreografie, ma si può anche… giocare a hockey!!! In Europa non è uno sport molto diffuso, ma in America e in Canada va fortissimo! Sapete di cosa si tratta? Ecco delle info in più per chi di voi è curiosa e vorrebbe provarlo…   QUALCHE REGOLA…   Le partite di hockey su ghiaccio si svolgono con sei giocatori in campo, di cui uno è il portiere, ma le squadre di hockey di solito sono formate da circa venti elementi, che si danno frequentemente il cambio durante il gioco.   È un gioco dai ritmi molto intensi, pensate che ogni giocatore sta in campo per circa un minuto alla volta! Il cambio di tutti i giocatori è definito “cambio di linea”.   A differenza del pallone nel calcio, il disco utilizzato nell’hockey è piccolo e si sposta molto velocemente, cosa che rende spesso difficile agli spettatori seguire tutti i passaggi.   Un incontro di hockey su ghiaccio dura sessanta minuti. La durata del gioco è suddivisa in tre terzi da venti minuti ciascuno, con pause di quindici minuti. Il tempo viene fermato a ogni interruzione, momento in cui si verificano di solito le sostituzioni. Per questo motivo le partite durano spesso più di novanta minuti!   Al termine di ogni terzo è obbligatorio cambiare tutti i giocatori. Se dopo sessanta minuti la situazione è di pareggio, si passa ai tempi supplementari oppure ai tiri di rigore.   Quando l’arbitro fischia l’inizio della partita parte il cosiddetto ingaggio: l’arbitro porta il disco in corrispondenza del “cerchio d’ingaggio” e due giocatori se lo contendono cercando di prenderne possesso. L’ingaggio si verifica anche quando la partita riprende dopo un’interruzione. Gli altri giocatori rimangono al di fuori del cerchio e possono entrarvi solo quando l’ingaggio viene portato a termine.   Io e le mie amiche Tea Sisters abbiamo provato a fare qualche tiro ed è stato super divertente! Volete scoprire chi di noi ha fatto gol? Cliccate QUI per scaricare questo contenuto speciale e… giocare con noi!   Nicky
 
giovedì 7 ottobre 2021
Buongiorno, campionesse! Mentre le altre Tea Sisters risolvevano misteri su e giù per l’isola io ero impegnatissima con gli allenamenti per la gara di canottaggio. L’avete mai provato? È uno sport di resistenza, fantastico per sviluppare la coordinazione, la forza e… la postura! Inoltre, se praticato a squadre è anche un ottimo modo per imparare a gestire il lavoro di gruppo: solo se ogni elemento fa la sua parte ci sono possibilità di tagliare il traguardo!   Durante gli allenamenti a Capri poi mi sono emozionata ripensando all’oro vinto quest’anno dal canottaggio femminile italiano: è stata la prima medaglia olimpica conquistata da una barca femminile nei quarantacinque anni che le donne gareggiano alle Olimpiadi nello sport del remo! Mica male, no?!   Per chi di voi fosse curiosa di provare ecco qualche informazione in più!   Il miglior modo per allenarsi è ovviamente in acqua, su fiumi, laghi e mari, ma durante l’autunno e l’inverno può essere complicato a causa delle condizioni atmosferiche instabili. Esistono però delle piscine con delle apposite vasche voga (vogare è il verbo che si usa per indicare il movimento di chi rema), attrezzate con un piano che emerge dall’acqua su cui vengono disposti dei carrelli e dei puntapiedi, uguali a quelli montati in barca. Anche i remi hanno le stesse dimensioni di quelli usati in barca. Questo tipo di allenamento permette di simulare molto bene tutti i movimenti, l’unico aspetto che non riesce a riprodurre sono le oscillazioni e i cambiamenti subiti dallo scafo, essendo una postazione fissa.   Questo sport porta benefici importantissimi sia a livello fisico che psicologico:
  • rafforza i muscoli e aiuta il miglioramento della postura e della flessibilità!
  • il contatto con l’acqua favorisce il rilassamento e la calma: il fluire, lo scorrere, i movimenti ciclici dei remi portano a un immediato benessere mentale!
  • remare insieme su barche lunghe, a quattro o otto posti, porta a lavorare sulla sintonia con gli altri!
Provare per credere! ;) Nicky
 
martedì 5 ottobre 2021
Prendete un’incantevole isoletta del Golfo di Napoli, cinque amiche con la passione per i misteri e uno strano caso di furto da risolvere. Mescolate bene e otterrete… la nostra nuova avventura firmata Tea Stilton! Siamo state a Capri per accompagnare Nicky a una gara di canottaggio e fare il tifo per lei, ma ben presto la nostra vacanza si è trasformata in un nuovo caso da risolvere. Tra un indagine e l’altra, su questa splendida isola abbiamo anche conosciuto dei nuovi amici, ci siamo divertite a fare escursioni in barca a vela e visitare affascinanti grotte naturali e abbiamo assaggiato tanti squisiti piatti della tradizione napoletana… Capri è meravigliosa: impossibile dimenticarla! E per assaporarne il ricordo il più a lungo possibile, ecco la ricetta della pizza... approvata da Pam! Ingredienti per l’impasto: 300 g di farina ‘0’, 200 g di farina integrale, 15 g di lievito di birra, mezzo cucchiaino di zucchero, 300 ml di acqua, sale.   Ingredienti per la farcitura: 400 g di pomodorini freschi, 100 g di passata di pomodoro, 150 g di mozzarella di bufala, un mazzetto di rucola, olio extravergine di oliva, basilico fresco.   1. Sciogliete il lievito di birra insieme allo zuc­chero in mezza tazza d’acqua e lasciate ripo­sare per qualche mi­nuto (fino a quando si sarà formata un po’ di schiuma in superficie).   2. Versate su un piano le due farine, mescolatele e scavate una conca nel mezzo. Unite il composto di acqua e lievito e un pizzico di sale. Mescolate con una spatola.   3. Aggiungete a poco a poco l’acqua e impastate con le mani. Continuate fino a quando otterrete un panetto compatto ma umido.   4. Formate una palla, copritela con un canovaccio pulito e lasciatela riposare almeno un’ora, fino a quando l’impasto non avrà raddoppiato il suo volume.   5. Rivestite una teglia grande con la carta da forno. Stendete la pasta in modo che occupi tutto lo spazio della teglia. Lasciate lievitare la pasta stesa per altri 30 minuti circa.   6. Nel frattempo insaporite la passata di pomodoro scaldandola in padella con un cucchiaio d’olio e un pizzico di sale. Una volta che si sarà raffreddata, versatela sulla pasta stesa. Tagliate i pomodorini a metà e distribuiteli sopra la passata.   7. Con l’aiuto di un adulto fate cuocere la pizza in forno caldo a 200°C per 15 minuti. Nel frattempo scolate la mozzarella e tagliatela a tocchetti.   8. Sfornate la pizza e distribuite in modo uniforme i pezzetti di mozzarella sulla superficie. Aggiungete anche un filo d’olio e infornate di nuovo per altri 10 minuti.   9. La vostra pizza è pronta: trasferitela su un piatto e guarnitela con rucola e basilico!   E mentre la pizza cuoce correte in libreria, la nostra avventura a Capri vi aspetta! Buon appetito e... buona lettura dalle vostre amiche Tea Sisters!
 
martedì 3 agosto 2021
Ragazze, questa è la stagione perfetta per organizzare giochi, gare e tornei all’aperto, non siete d’accordo? Ho mille idee e non vedo l’ora di proporle alle mie amiche e ai nostri compagni del college! In queste settimane vorrei organizzare un torneo di beach volley, avete presente? Ha regole molto simili a quelle della pallavolo, ma si gioca… sulla sabbia! Poi mi piacerebbe proporre qualche match di volano, anche detto badminton, che si gioca singoli o a coppie e assomiglia un po’ al tennis. E poi... caspita, continuano a venirmi nuove idee: un torneo di fresbee, una gara di sculture di sabbia, una sfida con gli aquiloni… E per concludere… sto pensando a una battaglia di gavettoni!!! I giochi d’acqua sono l’ideale in queste giornate afose, organizzateli anche voi coi vostri amici, sarà divertentissimo! E per accontentare tutti, ma proprio tutti, ho pensato anche a un passatempo un po’ più tranquillo, per coinvolgere anche chi non è un grande fan degli sport e chi non ama rovinarsi l’acconciatura con le bombe d’acqua… (vi viene in mente qualcuno?!) o anche solo per chi vuole fare una pausa tra un gavettone e l’altro!   Ecco allora una super proposta di giochi enigmistici: cliccate QUI per scaricare questa piccola raccolta di giochi e rompicapi da risolvere sotto l’ombrellone o al fresco in una baita di montagna!   E ricordate sempre: l’obiettivo numero 1 non è vincere ma… divertirsi!!! Nicky
 
giovedì 6 maggio 2021
Prendete una giornata di sole primaverile, aggiungete tanta voglia di fare attività fisica, un campo di terra rossa e una pallina gialla. Mescolate con due racchette ed ecco servita la vostra partita a tennis! Tra le mie attività preferite da praticare all’aria aperta con l’arrivo della bella stagione c’è senza dubbio questo fantastico sport. Si può giocare uno contro uno oppure a coppie e tutto quello che serve sono una racchetta, una pallina e tanta grinta! Per chi non ci ha mai giocato o per chi è un po’ arrugginita ecco un ripasso dei fondamentali!   Servizio: è un colpo molto importante perché permette di dominare da subito lo scambio. La risposta al servizio può essere difensiva o offensiva. È difensiva quando si risponde colpendo la palla in modo tale che essa rimanga in gioco. È offensiva quando, con un colpo d’attacco si mette in difficoltà il battitore, che ha meno tempo per riposizionarsi. Dritto: è quel colpo che si effettua quando la palla viene colpita alla propria destra (o sinistra per i giocatori mancini) dopo il rimbalzo. È il colpo più importante e può avere differenti metodi di realizzazione in base all’impugnatura della racchetta che si sceglie di utilizzare. Rovescio: è quel colpo che si effettua quando la palla viene colpita alla propria sinistra (o destra per i giocatori mancini) dopo il rimbalzo. Può essere eseguito a una mano o a due mani e anche per il rovescio ci sono diversi tipi di impugnatura che si possono utilizzare nell’esecuzione del colpo. Allenate un po’ queste mosse di base provandole con un compagno o davanti a un muro, e in men che non si dica… sarete pronte per scendere in campo!   Nicky  
 
AccediRegistratiPer rimanere aggiornato sulle
novità delle Tea Sisters e accedere a tanti
contenuti esclusivi!