In questo periodo, in cui tanti partono per le vacanze, potrebbe capitarvi che un’amica vi chieda di occuparvi del suo micio per qualche giorno. È bellissimo, ma sapreste che cosa fare?

Prendersi cura di un gatto, magari ancora cucciolo, è un’esperienza unica che va preparata con cura.

La nostra amica Olly, veterinaria dell’Isola delle Balene, ci ha spiegato che i gatti sono animali indipendenti e hanno davvero poche esigenze, ma queste vanno assolutamente rispettate.

Ecco un piccolo promemoria in cui abbiamo riassunto i suoi consigli preziosi e alcuni suggerimenti per un ambiente a prova di micio!

IMMAGINE 068-566-4604-7.psd

L’ANGOLO DEL RIPOSO

La cuccia dev’essere collocata in un luogo tranquillo. Infatti il gatto ama avere degli spazi in cui rintanarsi quando vuole stare un po’ da solo. Potete scegliere una cuccia in plastica o vimini, l’importante è che all’interno preveda una parte in tessuto che possa essere facilmente lavata.

UN POSTO PER I BISOGNINI

La lettiera è una cassettina di plastica in cui si versa un’apposita sabbia assorbente ed è il posto in cui il gatto fa i suoi bisognini. Il gatto è un animale molto pulito (noterete presto con quanta cura si pulisce leccandosi) quindi ricordatevi di tenere sempre la sua lettiera altrettanto pulita lavandola e cambiando regolarmente la sabbia.

SI GIOCA!

Il gioco è fondamentale nella vita di un gatto, che di natura è un animale molto attivo, sempre pronto a cercare nuove avventure! Per questo è importante dargli la possibilità di trascorrere il tempo in modo che si diverta e che stimoli la sua intelligenza. Un gattino può divertirsi anche con cose semplicissime come le scatole di cartone (dove adorerà nascondersi) o una pallina da ping-pong.

IL TIRAGRAFFI

Quella di “farsi le unghie” è un’abitudine tipica dei gatti: attraverso i graffi il felino comunica la sua presenza e si prende cura delle proprie unghie. Per questo bisogna prevedere una postazione apposita, prima che il micio decida di farsi le unghie sul divano di casa! In commercio esistono tanti tipi di tiragraffi, ma se preferite potete crearne uno in casa con legno e corda, oppure usando degli stuoini in paglia intrecciata.

In ogni caso, ricordate sempre che il gatto è un animale indipendente e riservato che si prenderà un po’ di tempo per studiare con calma la casa e i suoi abitanti.

Ora siete pronte anche voi per prendervi cura di un gattino!

A presto!

Paulina

 

9 commenti per “Missione cat-sitter!”

  1. chichi14 scrive:

    oops… ho sbagliato a cliccare!

    1. scricciolina10 scrive:

      Chichi!!! Sono Topassa, cioe’ Vanessa!!! Ti ricordi di me? Ci siamo incontrate sul sito di Geronimo! Brava Pilla, sei una veterinaria fantastica! Lo sai che puoi davvero fare questo lavoro?

      1. squit_girl scrive:

        Topassa cuoregentile? Io sono Squitta!

  2. camy04 scrive:

    Super utili consigli!!!! I ♡ cat . Sei la migliore Paulina!!!! =) ★

  3. camy04 scrive:

    Mi piacerebbe avere tanto un piccolo gattino…

  4. magda7 scrive:

    Grazie mille, mi servirà di sicuro visto che ho
    un gatto!

  5. ceciliaintroteadolcina89 scrive:

    Consigli stratopici !!!



Facci sapere cosa pensi di questo post lasciandoci un commento: